Trekking ed escursioni nel
Parco Nazionale del Pollino

Scopri il mondo di Wilderness in un video!


Le attività proposte accompagnano le persone oltre i propri limiti, in condizioni ambientali adatte a stimolare un rapporto emotivo intenso e profondo con la natura, per avere una conoscenza sempre più autentica di sé stessi e di ciò che ci circonda.

Livello 1


Equipaggiamento:
• abbigliamento a strati secondo la stagione
• scarponi da trekking (NO sneakers o scarpe con gomma liscia)
• giacca a vento
• poncho o k-way
• zainetto con spallacci imbottiti
• cappello con visiera o crema solare
• borraccia (almeno 1,5 litri)
• vari spuntini energetici tipo
(frutta di stagione & secca - cioccolato)

1) Piano ruggio 1550 mt - Belvedere del Malvento-cresta Serra del Prete 1750 mt

• Attività trekking & educazione ambientale
• Lunghezza circa 4 km
• Durata circa 2 ore e 30 minuti
• Costo adulti € 25
• Ragazzi dai 3 ai 18 anni ‎€ 15
• Ragazzi con meno di 3 anni omaggio

Il sentiero presenta un leggerissimo dislivello, che attraversando una faggeta ci porta nella prima parte ad una bellissima terrazza panoramica per ammirare i Pini Loricati (alberi esclusivi del Parco con età compresa tra gli 800 e i 1000 anni).

Dopo essersi gustati a pieno questo spettacolo della natura, si prosegue sulla cresta di Serra del Prete per poter toccare con mano queste incantevoli creature. Dopo aver riposato si riprende il sentiero in discesa.

2) Antico borgo 580 mt - Cascate fosso Paraturo 450 mt

• Lunghezza circa 4 km
• Durata circa 2 ore e 30 minuti
• Costo adulti € 25
• Ragazzi dai 3 ai 18 anni € 15
• Ragazzi con meno di 3 anni omaggio

Nella prima parte ci perderemo tra le viuzze del centro storico di Rotonda, piccolo borgo dalle autentiche tradizioni radicato nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, per ammirarne tutta la sua storia raccontata dai particolari che lo caratterizzano.

Da qui in pochi minuti si imbocca un sentiero che ci catapulta in un ambiente completamente diverso. Ci ritroviamo circondati da una rada vegetazione boschiva composta da roverelle, carpini neri e ornielli; ma si può intravedere anche qualche leccio, piante di edera e di pungitopo.

Costeggiando il torrente Paraturo arriviamo all'imponente cascata della "furcedda" dove sia la vista che l'udito vengono sconvolti. Dopo aver riposato si riprende il sentiero.

Livello 1 intermedio


Equipaggiamento:
• abbigliamento a strati secondo la stagione
• scarponi da trekking (NO sneakers o scarpe con gomma liscia)
• giacca a vento
• poncho o k-way
• zainetto con spallacci imbottiti
• cappello con visiera o crema solare
• borraccia (almeno 1,5 litri)
• vari spuntini energetici tipo
(frutta di stagione & secca - cioccolato)

1) Colle dell'Impiso 1554 mt - Colle Gaudolino 1684 mt

• Lunghezza circa 7 km
• Durata circa 3 ore e 30 minuti
• Costo adulti € 30
• Ragazzi dai 6 ai 18 anni ‎€ 20

Il sentiero presenta un dislivello di circa 250 mt, nella prima parte si scende leggermente per raggiungere i piani di vacquarro basso, dove costeggiando il torrente Frido si ha la possibilità di osservare i cavalli selvaggi del Parco Nazionale del Pollino.

Successivamente inizia la risalita, incontreremo la sorgente di "spezza bummulo" dove potremmo dissetarci con acqua purissima per poi proseguire verso il Colle Gaudolino dove ci rilasseremo ammirando il maestoso Monte Pollino. Dopo aver riposato si riprende il sentiero in discesa.

2) Piano Pedarredo 1350 mt - Monte Grasta 1465 mt

• Lunghezza circa 7 km
• Durata circa 4 ore
• Costo adulti € 30
• Ragazzi dai 6 ai 18 anni ‎€ 20

Partendo da Pedarredo ci inoltriamo da subito in un fitto bosco, che dopo circa 1 km ci fa raggiungere la "Fontana di Ermite", all'inizio dell'omonimo piano ("Ermite" che sta per "Eremita"); Dopo esserci rinfrescati assaporando la stupenda acqua di sorgente, continuiamo in salita immersi di nuovo nella faggeta.

Senza alcuna difficoltà si raggiunge la vetta, il panorama è su tutta l'ampia conca centrale della Valle del Mercure. Dopo aver riposato si riprende il sentiero in discesa.

3) Piano Pedarredo 1350 mt - Piano Ruggio 1550 mt

• Lunghezza circa 7 km
• Durata circa 3 ore e 30 minuti
• Costo adulti € 30
• Ragazzi dai 6 ai 18 anni ‎€ 20

Partendo da Pedarredo ci inoltriamo da subito in un fitto bosco, che dopo circa 1 km ci fa raggiungere la sorgente di acqua spasa. Dopo esserci rinfrescati assaporando la stupenda acqua di sorgente, continuiamo in salita immersi ancora nella faggeta.

Senza alcuna difficoltà si raggiunge Piano Ruggio, la piana è incantevole e selvaggia. Dopo aver riposato si riprende il sentiero in discesa.

Livello 2


Equipaggiamento:
• abbigliamento a strati secondo la stagione
• scarponi da trekking (NO sneakers o scarpe con gomma liscia)
• giacca a vento
• poncho o k-way
• zainetto con spallacci imbottiti
• cappello con visiera o crema solare
• borraccia (almeno 1,5 litri)
• pranzo al sacco e vari spuntini energetici tipo
(frutta di stagione & secca - cioccolato)

1) Colle dell'Impiso 1554 mt - "Giardino degli Dei" 2000 mt

• Lunghezza circa 12 km
• Durata circa 5 ore e 30 minuti
• Costo adulti € 40
• Ragazzi dagli 8 ai 18 anni € 30

Il sentiero presenta un dislivello di circa 500 mt, nella prima parte si scende leggermente per raggiungere i piani di Vacquarro basso, dove costeggiando il torrente Frido si attraversa una stupenda radura, ricca di vegetazione.

Dopo aver ammirato tutto ciò, ci sarà da affrontare il sentiero in salita che attraversando un fitto bosco di faggi ci porterà ai Piani di Pollino, dove regna incontrastato il wilderness del Pollino.

Cavalli selvaggi e natura incontaminata ne fanno da padroni. Con lo sguardo rivolto all'orizzonte, tra le due Serra quella di Crispo & la Ciavola si continua la salita fino al "Giardino degli Dei", ambiente che ospita la grande concentrazione dei Pini Loricati millenari del Parco Nazionale del Pollino.

Immersi in questo paradiso avremo modo di ristorarci all'ombra di queste gigantesche creature, per poi riscendere arricchiti da questa nuova esperienza.

2) Piano Pedarredo 1350 mt - Cresta Serra del Prete 1700 mt

• Lunghezza circa 10 km
• Durata circa 6 ore
• Costo adulti € 40
• Ragazzi dagli 8 ai 18 anni € 30

Partendo da Pedarredo ci inoltriamo da subito in un fitto bosco, che dopo circa 1 km ci fa raggiungere la prima piana dell'escursione "Piana Grande", si continua inoltrandosi di nuovo nella faggeta fino a raggiungere la sorgente di "Acqua spasa"; Dopo esserci rinfrescati assaporando la stupenda acqua di sorgente, continuiamo in salita ancora all'ombra del bosco. Raggiunto il secondo pianoro di Ruggio imbocchiamo il sentiero che ci porta nella prima parte ad una bellissima terrazza panoramica per ammirare i Pini Loricati (alberi esclusivi del Parco con età compresa tra gli 800 e i 1000 anni).

Dopo essersi gustati a pieno questo spettacolo della natura, si prosegue sulla cresta di Serra del Prete per poter toccare con mano queste incantevoli creature. Dopo aver riposato si riprende il sentiero in discesa.

3) Piano Pedarredo 1350 mt - Faggeta vetusta 1750 mt (Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO)

• Lunghezza circa 9 km
• Durata circa 5 ore
• Costo adulti € 40
• Ragazzi dagli 8 ai 18 anni € 30

Il sentiero presenta un dislivello di circa 400 metri, nella prima parte si sale gradualmente fino alla "Timpa dell'Orso", dove si approfitta del grande panorama che spazia su tutta la Valle del Mercure per riprendere fiato e prepararsi alla vera salita, all'interno di una fitta faggeta che ci accompagnerà fino al "Cozzo Ferriero".

Raggiunta la vetta avremo modo di gustarci un altro splendido panorama a 360°, da qui non ci resta che perderci tra i faggi di circa 400 anni, per poi ritrovarci rigenerati e arricchiti da questo "Patrimonio dell'Umanità". Dopo aver riposato si riprende il sentiero in discesa.

4) Piano Pedarredo 1350 mt - Cresta Serra del Prete 1700 mt

• Lunghezza circa 10 km
• Durata circa 6 ore
• Costo adulti € 40
• Ragazzi dagli 8 ai 18 anni € 30

Partendo da Pedarredo ci inoltriamo da subito in un fitto bosco, che dopo circa 1 km ci fa raggiungere la prima piana dell'escursione "Piana Grande", si continua inoltrandosi di nuovo nella faggeta fino a raggiungere la sorgente di "Acqua spasa"; Dopo esserci rinfrescati assaporando la stupenda acqua di sorgente, continuiamo in salita ancora all'ombra del bosco. Raggiunto il secondo pianoro di Ruggio imbocchiamo il sentiero che ci porta nella prima parte ad una bellissima terrazza panoramica per ammirare i Pini Loricati (alberi esclusivi del Parco con età compresa tra gli 800 e i 1000 anni).

Dopo essersi gustati a pieno questo spettacolo della natura, si prosegue sulla cresta di Serra del Prete per poter toccare con mano queste incantevoli creature. Dopo aver riposato si riprende il sentiero in discesa.

Livello 3


Equipaggiamento:
• abbigliamento a strati secondo la stagione
• scarponi da trekking (NO sneakers o scarpe con gomma liscia)
• giacca a vento
• poncho o k-way
• zainetto con spallacci imbottiti
• cappello con visiera o crema solare
• borraccia (almeno 1,5 litri)
• pranzo al sacco e vari spuntini energetici tipo
(frutta di stagione & secca - cioccolato)

1) Colle dell'Impiso 1554 mt - Italus 2000 mt

• Lunghezza circa 16 km
• Durata circa 7 ore
• Costo adulti € 40
• Ragazzi dai 10 ai 18 anni € 30
• Ragazzi con meno di 10 anni non sono ammessi

Il sentiero presenta un dislivello di circa 500 mt, nella prima parte si scende leggermente per raggiungere i piani di Vacquarro basso, dove costeggiando il torrente Frido si attraversa una stupenda radura, ricca di vegetazione.

Dopo aver ammirato tutto ciò, ci sarà da affrontare il sentiero in salita che attraversando un fitto bosco di faggi ci porterà ai Piani di Pollino, dove regna incontrastato il wilderness del Pollino.

Cavalli selvaggi e natura incontaminata ne fanno da padroni. Attraverseremo il piano, raggiungendo il versante di Serra delle Ciavole dove avremo la possibilità di "incotrare" Italus, il pino loricato più antico d'Europa 1230 anni.

Per datarlo è stato necessario sperimentare un metodo innovativo che ha affiancato la conta degli anelli, che permettono di risalire all'età dell'albero, con l'analisi al radiocarbonio.

Nominato Italus, in memoria del re di Enotria che governava questa regione a cavallo tra l'età del bronzo e quella del ferro, dopo più di un millennio continua a osservare dall'alto la natura che cambia.

Avremo modo di ristorarci all'ombra di questo gigantesco esemplare, per poi riscendere arricchiti da questa nuova "conoscenza".

2) Colle dell'Impiso 1554 mt - Monte Pollino 2248 mt

• Lunghezza circa 16 km
• Durata circa 7 ore e 30 minuti
• Costo adulti € 40
• Ragazzi dai 10 ai 18 anni € 30
• Ragazzi con meno di 10 anni non sono ammessi

Il sentiero presenta un dislivello di circa 800 mt, nella prima parte si scende leggermente per raggiungere i piani di vacquarro basso, dove costeggiando il torrente Frido si ha la possibilità di osservare i cavalli selvaggi del Parco Nazionale del Pollino.

Successivamente inizia la risalita, incontreremo la sorgente di "spezza bummulo" dove potremmo dissetarci con acqua purissima per poi proseguire verso il Colle Gaudolino, prenderemo fiato, per prepararci ad affrontare la dura salita che ci porterà dopo vari scenari incantevoli, ad ammirare uno dei panorami più emozionanti del Parco Nazionale del Pollino.

Alcuni studiosi fanno derivare il nome dal latino mons Apollineus, monte di Apollo, Dio della salute e progenitore dei medici, a causa probabilmente delle grandi quantità e varietà di erbe medicinali e aromatiche spontanee che vegetano lussureggianti sul massiccio, in una apoteosi di profumi e di colori.

Senza dubbio soddisfatti per la conquista della vetta, ci rilasseremo per poi riscendere.

3) Colle dell'Impiso 1554 mt - Serra Dolcedorme 2267 mt

• Lunghezza circa 20 km
• Durata circa 8 ore
• Costo adulti € 40
• Ragazzi dai 12 ai 18 anni € 30
• Ragazzi con meno di 12 anni non sono ammessi

Nella prima parte si scende leggermente per raggiungere i piani di vacquarro basso, dove costeggiando il torrente Frido si ha la possibilità di osservare i cavalli selvaggi del Parco Nazionale del Pollino.

Successivamente inizia la risalita, incontreremo la sorgente di "spezza bummulo" dove potremmo dissetarci con acqua purissima per poi proseguire verso il Colle Gaudolino, prenderemo fiato, per prepararci ad affrontare la dura salita che senza dubbio ci condurrà ad ammirare il panorama più emozionante del Parco Nazionale del Pollino.

Dalla vetta più imponente del massiccio lo sguardo spazia in un'area ampissima e incontaminata, in lontananza c'è la possibilità di vedere sia il mar Tirreno che lo Ionio.

Dopo esserci rifocillati, ci rilasseremo per poi riscendere.

Guarda le foto delle nostre escursioni

Piano ruggio 1550 mt - Belvedere del Malvento-cresta Serra del Prete 1750 mt
Antico borgo 580 mt - cascate fosso Paraturo 450 mt
Colle dell'Impiso 1554 mt - Colle Gaudolino 1684 mt
Colle dell'Impiso 1554 mt - "Giardino degli Dei" 2000 mt
Colle dell'Impiso 1554 mt - Italus 2000 mt
Colle dell'Impiso 1554 mt - Monte Pollino 2248 mt
Colle dell'Impiso 1554 mt - Serra Dolcedorme 2267 mt

Strutture consigliate da Wilderness per mangiare e dormire

Vai alla pagina dedicata

Trekking, ciaspolate, rafting, canyoning, kayak e canoa, river walking, mountain bike.

La tua prossima avventura sarà nel cuore del
Parco Nazionale del Pollino!!